Andrea Antonio Fioravante

Andrea Antonio Fioravante, Laurea in Disegno Industriale. Lascia Barletta a 26 anni e si traferisce in Lombardia. Torna, dopo 4 anni di esperienza lavorativa, nel suo paese natale.

La sua storia ci apre le porte dell’innovazione e della consulenza aziendale nell’ambito della stampa 3d, svelandoci anche un progetto legato ad un’altra grande passione: le due ruote… e più di tutto ci racconta di un Sogno che non poteva che realizzarsi al Sud, nonostante non poche paure e un vero salto nel buio!

16558425_10210375040830837_1083681420_nPer quale motivo sei tornato al Sud?
“Perchè ero pronto a dare qualcosa alla mia terra che tanto ha dato a me. Tutta l’esperienza lavorativa che ho adesso la devo ai miei pochi anni di lavoro al Nord. E’ stata, per me, una seconda università. Mi sono occupato un pò di progettazione aeronautica (arrivando anche alle porte dell’Agusta Westland), ho creato con mio fratello, anche lui al Nord, lo studio artINGEGNERIA e contemporaneamente sono diventato responsabile del reparto “ricerca e sviluppo” di una grande S.p.A. che si occupa di innovazione tecnologica nel settore Dentale e Medicale.

Sin dal primo giorno di partenza però, ho sempre saputo, dentro di me, che quella situazione era solo di passaggio. Capita a tutti di immaginare la vecchiaia o il luogo dove crescere i propri figli, be’ nel mio immaginare contesto e scenografia erano sempre al Sud, mai al Nord!

Dopo 3 anni e mezzo ho capito di essere pronto, sentivo di aver messo da parte quel bagaglio di esperienze importanti e fruibili per la creazione di qualcosa di utile per la mia terra. Così ho deciso di tornare e fare un salto nel vuoto, aprire un’attività di Stampa 3D, qualcosa di estremamente innovativo e forse senza mercato nella nostra terra, ma questo non mi ha scoraggiato.”

La tua valigia del ritorno è piena di…
“Sarei un bugiardo se dicessi che non ho avuto molta paura. Sopratutto per il fatto di lasciare un posto fisso, ben retribuito e con possibilità di ulteriore crescita, per avviare un’attività dal successo ignoto! Ma sai meglio di me che la nostra terra sa anche farti passare tutte queste paure, mi ha accarezzato e riaccompagnato nel mio percorso riabilitativo, facendomi nascere una seconda volta come pugliese! Ora sono carico e felice della mia scelta, ogni giorno sono felice di essere tornato!”

Complessivamente è stato un ritorno positivo o negativo?
“Più che positivo il mio rientro! Non poteva essere altrimenti, a parte la paura iniziale! E come quando devi lasciare la donna che ami con tutto il cuore per cause di forza maggiore. Quando poi la rivedi e ci ritorni insieme non può che essere bellissimo. Ad oggi la mia attività sta andando benino, e quindi ogni giorno è un giorno di crescita per me e di ricchezza per la mia terra e la mia gente!”

Quali sono state, se ce ne sono state, le difficoltà del rientro?
“La paura, il fatto di sentirsi disorientati e purtroppo scontrarsi con l’inciviltà che qui ancora è radicata. Per superare queste difficoltà bisogna combattere! Si, combattere senza lasciarsi andare, perchè se non si combatte si è di nuovo al punto di partenza e che fai? Parti un’ altra volta? Io personalmente, combatto e trovo forza nel mare e nella nostra natura, mi sono anche tatuato un simbolo che ricorda il mare! 🙂 Il mio consiglio per chi torna è: uscire ogni giorno e riprendere i contatti con la propria terra e la propria gente, il resto verrà da sé.”

Di cosa ti occupi?
“Al momento sono amministratore della mia azienda la Zyx3d con la quale mi occupo di innovazione nel settore 3d, aiuto le aziende a migliorare i loro processi produttivi con stampanti 3d e software 3d. Inoltre, ho creato una linea di filamenti per le stampanti 3D REELFILL che è stata presentata qualche settimana fa all’ Expo Elettronica di Milano Malpensa ed ha ricevuto molti consensi e un articolo sul quotidiano cartaceo lombardo La Prealpina. Scrivo articoli per stampa3dstore.com un importate portale di divulgazione per la stampa 3d e sporadicamente scrivo articoli per i bollettini medici (sempre riguardanti la stamap3d e il settore medicale).
Essendo motociclista sfegatato sto avviando un’associazione: Maxi Enduro Puglia – Moto Club che  ha come scopo quello di creare benessere attraverso dei motopercorsi nella nostra regione.”

Ci lasci un pensiero per BaS…
“Grazie dell’opportunità, questo vostro lavoro mancava e serve alla nostra terra! Spero di vedervi presto al cinema con un film/documentario!”

Una rete tra tornati al Sud potrebbe essere d’aiuto e supporto a chi torna?
“Si. Per mettere insieme le esperienze e creare dei laboratori di scambio.”

Cosa dovrebbe/potrebbe fare la rete BaS?
“Continuare in questo suo percorso.”

La cosa che più ti mancava e/o la cosa che più ti mancherà.
“Il mare, il cibo e la mia famiglia.”

Grazie Andrea, per la tua gentilezza, per averci raccontato che il “futuro” è già il nostro presente. Qui, in Puglia. A Sud.

Marianna per BaS

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...