Elsa Fattibene

Elsa Fattibene, dopo 6 anni all’estero in giro per lavoro, torna nella sua città Foggia. Torna per amore di un uomo innamorato del Sud e per realizzare un sogno: aprire uno studio di fotografia neonatale.

Ci sarà riuscita? Scopritelo, leggendo la sua storia…

12966587_10209011390432142_111501652_nPer quale motivo sei ritornata al Sud? “Ritornata in nome dell’amore per un uomo che al nostro caro “Sud” ci è legato a doppio filo… ritornata perchè unica strada percorribile che mi portasse a lui… ritornata perchè convintissima che ovunque la carriera potesse portarmi non avrei mai sopportato l’idea di non condividere questi successi con la persona amata.”

 La tua valigia del ritorno è piena di… “La mia valigia del ritorno era piena di un grande sogno, un’ utopia per molti: la Newborn Photography. Una passione da molti anni quella della fotografia e un amore a prima vista per quella  neonatale. Lavorando per una multinazionale ho avuto l’opportunità di viaggiare molto e di avere la fortuna di poter visitare alcune tra le più grandi fotografe specializzate del settore…. ed ogni volta la domanda era sempre la stessa: perché non a Foggia?”

Complessivamente è stato un ritorno positivo o negativo? “Positivo. Il mio perchè ha due nomi. Il primo è Marco, mio figlio, e non ci sono altri commenti da fare. Il secondo è ELSAPHOTOGRAPHY il primo studio fotografico a Foggia (e uno dei pochissimi al Sud) dedicato ESCLUSIVAMENTE alla fotografia Neonatale, gravidanza e famiglia.”

LogoElsa

Quali sono state, se ce ne sono state, le difficoltà del rientro e cosa hai fatto per superarle? “La difficoltà maggiore è sicuramente lo scontrarsi con la negatività della gente convinta che qui nulla possa cambiare! Io sono andata dritta per la mia strada non curante di nessuno. Il mio progetto è stata linfa vitale per andare avanti e per credere fino in fondo in quello che, fortunatamente, ne è venuto fuori. A tutti quelli che accettano la sfida di rientrare consiglio vivamente di crederci perchè il Sud, il nostro Sud, è pieno di opportunità da cogliere.”

Di cosa ti occupi? “Mi occupo esclusivamente del mio studio, dove pullula sempre “nuova vita” e di nuovi progetti e collaborazioni tra cui quella con gli Ospedali Riuniti di Foggia. Oltre, ovviamente, al mio marmocchio.”

 

Ci lasci un pensiero per BaS… “Un’ iniziativa brillante e… lungimirante! Una rete perfetta per  far sapere a quanti hanno avuto la necessità di andar via, per poter cercare un futuro migliore, che da noi manca solo la voglia di scommettere sul cambiamento.”

Una rete tra tornati al Sud potrebbe essere d’aiuto e supporto a chi torna? “Si. Il confronto e  l’unione possono far scaturire solo del bene!”

 Cosa dovrebbe/potrebbe fare la rete BaS? “Impegnarsi nella divulgazione dello scopo di questa rete.”

La cosa che più ti mancava e/o la cosa che più ti mancherà. “Mi mancava da morire l’essere qua….”

Grazie Elsa, chiudiamo la tua intervista, piena di nuova vita e tanta gioia, segnalando un bellissimo progetto che ti vede coinvolta: Campagna di sensibilizzazione sulla nascita prematura. Per saperne di più : #mammagaritifaiunafoto!!

Elsa sensibilizzazione

Marianna per BaS

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...